BaruQ
Cibo per i Testimoni di Geova riflessivi
“‘Ma in quanto a te, tu continui a cercare grandi cose per te stesso. Non continuare a cercare. Poiché, ecco, io farò venire la calamità su ogni carne’, è l’espressione di Geova, ‘e certamente ti darò la tua anima come spoglia in tutti i luoghi nei quali andrai’”
Importante: Questo sito non pretende di possedere la verità. Il lettore dovrebbe essere in grado di usare discernimento, esaminando attentamente le Scritture per vedere se queste cose sono così. (Atti 17:11)
2001 translation
Le prove interne della storicità della Bibbia
resize_dead-sea-scrolls-556022_640
Probabilmente nessuna raccolta storica è stata più ridicolizzata della Bibbia. Tuttavia, i fatti dimostrano che, se non fosse considerata come un libro di religione e fosse stata recentemente scoperta dagli archeologi, sarebbe proclamata la scoperta più importante della storia. I suoi dettagli per quanto riguarda le linee di famiglia, i territori occupati, le durate di vita e gli eventi dovrebbero fornire la prova formale, anche per gli osservatori più scettici, che quanto riportato è vero e fedele, perché nessuno fornirebbe tali dettagli minuti se avesse solo creato un documento falsificato. Oh, volendo, uno avrebbe potuto, ma avrebbe richiesto un elevato livello di sofisticazione e alcuni motivi molto scuri.

Prendiamo ad esempio le genealogie trovate in Genesi 4:17-5:31; 10:1-31; 11:10-32; 14:1-8; 21:32; 22:20-24; 25:1-4 & 12-19; 26:34; 28:6-19; 36:1-4 & 9-43; 38:1-5; 46:8-27; 48:7; Numeri 1:1-42; 2:5-32; 26:12-60 e 27:1, tanto per cominciare. I dettagli di questi resoconti dimostrano che la Bibbia è una raccolta di dettagli storici incredibilmente accurate.
Prenditi il tempo per leggere le genealogie che iniziano in 1 Cronache e vi troverai molti nomi di persone dell'antichità che fondarono città e paesi che conosciamo ancora oggi. Guarda le lunghe liste di nomi di persone e vedi chi erano i loro padri e da chi scendevano, quello che hanno fatto, etc. – cose alle quali nessuno si interesserebbe ora – e chiediti perché qualcuno avrebbe inventato tutto questo. Come si può fingere così tanti dettagli? Puoi anche notare che ciascuno dei nomi significava qualcosa in ebraico, quindi non era solo un miscuglio di suoni.
Tomb_of_David
Poche persone metterebbero in dubbio l'autenticità della tomba del re Davide (anche se l’ubicazione corrente è discutibile), dal momento che è così ben documentata da noti storici precisi, come ad esempio Giuseppe Flavio. Nota quanto scrive l'evangelista Luca negli Atti (capitolo 2, versetto 29): "vi si può parlare con libertà di parola del capofamiglia Davide, che decedette e fu sepolto e la sua tomba è fino a questo giorno tra noi”. Eppure, molti critici moderni affermano che Davide non è mai esistito! Perché qualcuno dovrebbe affermare una cosa del genere quando non vi è alcuna prova di fantasia? E considera i registri meticolosi di coloro che hanno servito alla corte del re Davide, come li possiamo trovare dal capitolo 23 alla fine del libro delle Cronache. Chi erano, da dove venivano, a chi erano imparentati e quali erano le loro posizioni, tutto questo è elencato in modo accurato. Considera i resoconti storici ben documentati di quello che è successo quando il re d'Assiria attaccò Giuda durante il regno del re Ezechia, poi confrontali con i dettagli storici della Bibbia come descritti in 2 Cronache 32. Inoltre, nota quanto bene 2 Re 23:29 narra l'episodio in cui il faraone egiziano Neco II ha combattuto sia l'esercito assiro e il re Giosia di Giuda (e ha vinto), e ti renderai conto che si tratta di una rigorosa narrazione storica! In quanto a Mosè e l’esodo, considera la registrazione dettagliata del viaggio di Israele, dal luogo di partenza dall'Egitto fino a quando entrarono nella Terra Promessa, come si legge in Numeri capitolo 33. Qui vedrai che descrive ogni piccola località attraversata, le direzioni seguite, per quanto tempo sono rimasti in ogni luogo, e anche la geografia della regione! Poi guarda gli scritti di Luca (il vangelo di Luca e il libro degli Atti) e presta attenzione ai nomi, i luoghi, i titoli, e persino una casa specifica … tale documentazione dettagliata e comprovata è praticamente senza precedenti in qualsiasi altro scritto antico! Di sicuro, la Bibbia è una grande ricchezza ed è una miniera di storia dei popoli antichi che, per ignoranza e pregiudizio, è inesplorata da molti. Considera, ad esempio, i record delle persone e dei beni commerciali che hanno fornito al porto commerciale mediterraneo di Tiro nel settimo secolo aC, come si legge nel ventisettesimo capitolo del libro biblico di Ezechiele. Dove altro si può trovare tali preziosi documenti?
Recenti scoperte archeologiche
Tuttavia, senza alcuna prova a sostegno delle loro affermazioni, i critici della Bibbia dicono che “il Vecchio Testamento" è stato scritto nel sesto secolo aC, e il "Nuovo Testamento" e i racconti a proposito di Gesù sono stati scritto quasi trecento anni dopo che avesse messo piede sulla terra. E anche se gli archeologi hanno dimostrato che tali pretese (che hanno avuto origine a metà del 800) sono false, gli insegnanti continuano a insegnare queste cose alle loro classi di filosofia, e gli studenti creduloni continuano a credere informazioni storicamente inesatte. Si può notare ad esempio che il più antico testo della Bibbia che gli archeologi hanno scoperto (un brano dal Pentateuco) sembra risalire al settimo secolo aC. … quindi prima della distruzione di Gerusalemme da parte di Babilonia e risalendo ai tempi del Tempio di Salomone. Ma nonostante le prove fornite dai reperti archeologici, i critici della Bibbia hanno insegnato e ancora insegnano che non c’è mai stato tale tempio a Gerusalemme. PERCHÉ?
Inoltre, molti hanno sostenuto che non vi era alcun re Davide, e Gerusalemme era solo una città arretrata nel periodo attribuito al suo regno. Tuttavia, recenti scavi archeologici a Tel Dan (nord della Palestina)
David_tel_dan_stele
hanno portato alla luce una stele del nono secolo aC. che menziona la stirpe di Davide … e si sta attualmente scavando una struttura importante che si pensa potrebbe in realtà rivelarsi il palazzo di Davide.
Alcuni addirittura si sono spinti fino a sostenere che non vi era alcuna antica nazione di Israele; ma un monumento di granito commemorando le vittorie del faraone Merneptah che regnò nel 1212-1202 aC. (attualmente in mostra al Museo del Cairo) si vanta di una conquista della nazione di Israele con le vicine città filistea di Ashkelon, Gezer et Yenoam. Eppure, anche se le accuse che non c'era nessuna nazione israeliana hanno dimostrato di essere false dalle scoperte archeologiche, ancora non si legge nulla su queste scoperte sorprendenti nei libri di testo universitari moderni!
È un fatto che i Filistei di cui si legge nella Bibbia hanno realmente esistito, in quanto questo è stato documentato da moderne scoperte archeologiche di tali grandi città come Ashkelon. E si può notare che la regione è ancora chiamata Palestina oggi, che è solo una corruzione greca del nome Filistine.
E le nazioni che sono venuti all'esistenza per le figlie di Lot (i Moabiti e gli Ammoniti) sono state anche documentate dagli archeologi attraverso iscrizioni egizie e assire. Se non hai familiarità con la storia, la Bibbia ci dice che Lot generò dei figli da ognuna delle sue due figlie, dopo la distruzione di Sodoma e Gomorra. Il figlio della figlia maggiore è stato chiamato "Moab" o “di mio padre" (vedi Genesi 19:37) e il figlio della più giovane è stato nominato "Ammon" o "figlio della mia famiglia" (vedi Genesi 7:38). Così, anche i nomi di queste persone testimoniano la descrizione data dalla Bibbia delle loro origine incestuose.
Chi ha
Gilgamesh_Tablet
scritto Genesi?
Gli storici ebraici e la maggior parte dei commentatori religiosi in generale concordano sul fatto che Mosè ha scritto i primi cinque libri della Bibbia (noto come il Pentateuco). Tuttavia, questo non è del tutto esatto; espressioni della Genesi come "questo è il libro …" e “questa è la storia di …") mostrano che quasi tutti i primi sei capitoli sono stati compilati da documenti precedentemente scritti o trascritti da vecchi canti.
Da dove questi documenti (se Mosè infatti li aveva in forma scritta) sono venuti? Semplicemente, non lo sappiamo, perché la Bibbia non lo dice. Tuttavia, Mosè avrebbe potuto raccoglierli dalle biblioteche egiziane durante la sua vita come "figlio della figlia del faraone". Tuttavia, sembra che alcune informazioni siano state trasmesse anche da canti all'interno della linea di famiglia ebraica. Perché diciamo questo?
Devi capire che la storia antica e le notizie erano allora trasmesse in canti, perché era l'unico mezzo di comunicazione di massa in quel momento. Se si esaminano i primi cinque capitoli della Genesi con attenzione, si noterà che c’è senza dubbio una cadenza e una simmetria. Ad esempio, guarda le prime parole di ogni paragrafo o versetti in Genesi 1:6, 11, 14, 20, 24 e 26.
È interessante il fatto che gli archeologi, scavando in Mesopotamia, hanno effettivamente trovato un canto o una poesia registrata su antiche tavolette d'argilla che tratta di alcuni degli stessi eventi che sono coperti nei capitoli sei a undici della Genesi, e che ora è conosciuto come Epopea di Gilgameš. E perché ci sono somiglianze tra entrambi gli account, i critici della Bibbia si sono affrettati ad annunciare che questo è dove Mosè ha ottenuto le sue informazioni su Noè e il diluvio. Tuttavia, esaminando le parole che si trovano in quel testo, vedrai che l’epopea di Gilgameš si legge più come una favola e non ha niente a che vedere con il tipo di raconto che si trova in Genesi. Quindi questa scoperta in realtà non fa altro che confermare che altre persone hanno registrato le stesse cose che accadevano.
Mosè scrisse il Pentateuco?
Sì, Mosè scrisse porzioni dei primi cinque libri della Bibbia, perché il racconto lo dice (vedi Numeri 33:1, 2) e gli storici ebraici hanno sempre sostenuto che lo ha fatto. Tuttavia il fatto che nella maggior parte dei casi in cui è fatto il suo nome viene usata la terza persona può anche indicare che questo non è totalmente vero. Infatti, se Mosè scrisse le parole trovate in Numeri 12:3, "Mosè era l'uomo più umile della terra", allora quello che ha detto era un ossimoro (un modo di dire che si smentisce). Quindi, possiamo concludere che sebbene Mosè era probabilmente responsabile per le parole che sono state dette (e, forse, della compilazione delle parole della Genesi), le cose che ha dette e fatte potrebbero essere state originariamente scritte da un segretario o scrivano … forse l'assistente più vicino di Mosè, Giosuè. Potrebbe essere la ragione per la quale è stato scritto in Giosuè 24:26: "Giosuè scrisse quindi queste parole nel libro della legge di Dio”.
Tuttavia, anche il nome di Giosuè a volte è scritto alla terza persona in queste relazioni. E mentre parlare di sé stesso alla terza persona non è uno stile insolito per gli scrittori della Bibbia (ad esempio, Matteo, Marco e Giovanni hanno fatto questo nei loro racconti), i loro nomi non sono di solito menzionati alla terza persona, come invece nel caso di Mosè e di Giosuè. Non è insolito per gli scrittori biblici di usare segretari, perché questo è ciò che Paolo fecce, ovviamente a causa della sua scarsa visione. Così, il fatto che i nomi di Mosè e Giosuè sono stati utilizzati in modo frequente e in tanti luoghi (a volte fino a tre volte per frase nel testo originale) indica che qualcun altro ha probabilmente fatto il lavoro di compilazione e redazione.
Il libro del Deuteronomio è un buon esempio di ciò di cui stiamo parlando qui. Un attento esame dei testi dimostra che il libro era in realtà una raccolta di discorsi scritti che sono stati pronunciati il giorno in cui gli Israeliti stavano per entrare nella Terra Promessa (vedi Deuteronomio 1:1). Mosè probabilmente ha scritto la maggior parte dei discorsi, che hanno chiarito come la legge si applicherebbe una volta che saranno entrati nella Terra Promessa, ma questi discorsi sono stati successivamente raccolti e compilati nel libro del Deuteronomio da qualcun altro dopo la sua morte. Questo deve essere vero, perché la morte di Mosè è anche menzionata nel Deuteronomio. Pertanto, anche se Mosè scrisse le leggi ed i discorsi, probabilmente non fu quello che scrisse i dettagli.
Successivamente, potrai poi notare che il libro biblico di Giosuè riprende la sua narrazione immediatamente dopo le cose descritte nel libro del Deuteronomio, così come il libro dei Giudici dopo Giosuè, e così come il libro di Rut dopo quello dei giudici (basta leggere il finale di ogni libro e l'inizio del libro dopo per capire perché stiamo dicendo questo). Quindi sembra chiaramente che tutti i libri della Bibbia dalla Genesi a Rut sono stati originariamente compilati e scritti dalla stessa persona, che deve esser vissuta qualche tempo durante o dopo il tempo del re Davide (perché egli è menzionato alla fine di Rut), e la probabile fonte avrebbe potuto essere Samuel o anche molto più tardi lo scriba Esdra. Tuttavia, tutte le opere di cui sopra saranno state originariamente scritte durante o subito dopo i fatti descritti, e quindi compilate in un unico racconto in un secondo momento. Quindi è possibile che nel terzo secolo aC (quando è stata creata la Settanta) questa raccolta unica è stata divisa in libri, che hanno poi ricevuto i nomi di cui siamo così familiari oggi.
Storia biblica o storia secolare?
Quando la storia e le descrizioni della Bibbia si scontrano con la storia e le descrizioni secolari, la maggior parte delle persone tiene per scontato che la Bibbia sbaglia … ancora una volta. Ma è davvero così? Prendiamo per esempio la descrizione che la Bibbia dà di Dario, il re dei Medi. Esdra 4:5 lo menziona come un contemporaneo del re persiano Ciro. Tuttavia, gli storici secolari ci dicono che non vi era tale re dei Medi. Dicono che Dario era in realtà un re persiano il cui regno (522-aC, 486 aC) seguì quello di Ciro. Qual è l'interpretazione corretta?
Il racconto stesso di Esdra (vedi Esdra 4:24) concorda sul fatto che c'era anche un re persiano di nome Dario che regnò dopo Cyrus. Tuttavia, dice che il suo regno è venuto dopo quello di Serse e suo figlio Artaserse. Così, gli storici e gli archeologi moderni, nel loro desiderio di screditare la Bibbia, hanno semplicemente confuso Dario il Medo con il suo parente persiano che regnò molto più tardi. Confidiamo nel racconto in Esdra, perché nessuno mette in discussione la sua esistenza o il periodo in cui viveva, dal momento che egli è colui a chi è attribuita la compilazione della maggior parte delle Sacre Scritture di Israele che abbiamo oggi.
Per quanto riguarda Dario, il re dei Medi, non solo lo storico ebreo Giuseppe Flavio sostiene che c’è stato veramente un Dario, re dei Medi, ma ci dice anche che Dario era uno zio del re Ciro per parte della madre. E il fatto che Dario era un Medo e che ha anche regnato sul paese dei Caldei è ancora una volta confermato da altri due scrittori biblici, Daniele (vedi Daniele 9:1) e Zaccaria (vedi Zaccaria 1:1). Che questo non sia Dario, re di Persia, che gli storici dicono abbia successo a Ciro è confermato da Zaccaria 7:1-6, in cui si legge che il tempio di Dio non era ancora stato ricostruito. Inoltre, il re persiano sarebbe vissuto sessantatré anni, mentre la Bibbia mostra che il re medo visse almeno sessantasei anni.
Quindi abbiamo tre contemporanei del re Dario dei Medi che ci dicono che c'era un tal uomo.
L'evoluzione del linguaggio
Dal momento che la parte ebraica della Bibbia è stata scritta in un periodo di circa milleseicento anni, ci si aspetterebbe di osservare dei cambiamenti naturali nella lingua su un tale lungo periodo. È così? Sì! Anche se le prime parti della Genesi sono scritte nella lingua ebraica del tempo di Mosè (probabilmente erano tradotti da Mosè o Giosuè), la parte che racconta la storia di Abraamo è scritta in un antico dialetto chiamato Ugarit, che riflette l'ebraico come era parlato prima del soggiorno di quattrocento anni dei figli d'Israele in Egitto.
Dopo di che, la lingua continua a cambiare fino al tempo di Daniele, che ha scritto in un linguaggio simile al ebraico, l’aramaico (a metà 500 aC), a causa dell'influenza della cattività dei Giudei in Babilonia e il loro assoggettamento alla Persia.
Il prossimo cambio importante nel linguaggio della Bibbia è venuto durante il tempo di Gesù. Anche se Matteo, Paolo, Giovanni, Pietro, Giacomo e Giuda potrebbero aver originariamente scritto i loro libri in aramaico o ebraico, Marco e Luca hanno probabilmente scritto nel linguaggio comune del loro tempo, la Koinè Greca. E qualche tempo dopo la loro scritture (forse nel secondo secolo nel caso del Vangelo di Matteo), gli altri libri del Nuovo Testamento sono stati tradotti anche in questa lingua.
Quindi, come si può vedere, le accuse sostenendo che la Bibbia è stata scritta molto più tardi rispetto alle epoche indicate dai suoi autori sono ridicole. L'evoluzione del linguaggio dimostra che questo non è vero.
I Vangeli
Pan_Cave
Una delle più notevoli marche di autenticità nelle Scritture dell’era cristiana è la menzione di Matteo di Gesù predicando in una città chiamata 'Cesarea di Filippo' (in Matteo 16:13). Mentre alcuni critici hanno sostenuto che i racconti evangelici della Bibbia non sono stati scritti prima di oltre un secolo dopo la morte di Gesù, prove interne come l'uso da parte di Matteo di quel nome di città dimostra che questo libro doveva essere stato scritto prima della metà del primo secolo perché il nome di Cesarea di Filippo è stato utilizzato solo durante il breve regno dei Erodi. Sia prima che dopo, è stata conosciuta come 'Panea,' secondo il nome del dio romano Pan, il cui idolo si trovava lì. Dal momento che questa particolarità sarebbe stata persa alla storia nel giro di pochi anni, questo fatto dimostra che il libro di Matteo doveva essere stato scritto poco dopo l'esecuzione di Gesù.
E nota i metodi per datare con precisione gli eventi grazie alla storia delle persone che, secondo la Bibbia, regnavano al momento della nascita di Gesù, e che si trovano in Luca 3:1, 2. Luca sapeva esattamente chi fossero queste persone e quando hanno governato, tutto questo essendo confermato dalla storia! Chiediti: come uno scrittore avrebbe potuto conoscere tutti questi dettagli con precisione circa duecento anni più tardi? E se una persona dovesse fare delle ricerche solo per creare un falso, a beneficio di chi avrebbe dovuto farlo?
Inoltre, sono state trovate copie di scritti del vescovo cristiano Papia dai primi anni del secondo secolo, e in questi si parla dei Vangeli e scritti di Matteo, Luca e Giovanni. Quindi, a prescindere dalle affermazioni infondate dei critici moderni, non vi è dubbio che i Vangeli sono stati tutti scritti tra la metà e la fine del primo secolo.
I nomi
Un'altra prova inconfutabile dell’autenticità della Bibbia come narrazione storica può essere trovata nei nomi di persone e luoghi che non sono mai cambiati … e la Bibbia ci dà anche le ragioni per le quali sono stati scelti i nomi. Presta attenzione per esempio alla descrizione trovata in Genesi 10:8-12, che dice: “E Cus generò Nimrod. Egli fu il primo a divenire potente sulla terra. Si mostrò potente cacciatore in opposizione a Geova. Perciò c’è un detto: “Proprio come Nimrod potente cacciatore in opposizione a Geova”. E il principio del suo regno fu Babele ed Erec e Accad e Calne, nel paese di Sinar. Da quel paese andò in Assiria e si mise a edificare Ninive e Reobot-Ir e Cala e Resen fra Ninive e Cala: questa è la grande città.”.
Puoi constatare che i nomi di città ben note (non mitiche) sono elencate qui. E come Babilonia (una parola ebraica per confusione) ottiene il suo nome? Il racconto in Genesi 11:8, 9 ci dice: “Pertanto Geova li disperse di là per tutta la superficie della terra, e un po’ alla volta smisero di edificare la città. Perciò le fu dato il nome di Babele, perché là Geova aveva confuso la lingua di tutta la terra, e di là Geova li aveva dispersi per tutta la superficie della terra.”
Ebbene, il fatto che ci sono così tante lingue non correlate tra gli uomini oggi potrebbe essere spiegato solo dagli eventi di questo racconto biblico, dal momento che i linguisti ammettono che le lingue provengono da diverse radici. E per di più, la descrizione della Bibbia trovata in Genesi 11:3, che la gente ha costruito la città utilizzando mattoni, e 11:4, dove si racconta la costruzione di una torre grattacielo, è ancora visibile nelle rovine di questa antica città nella parte occidentale dell'Iraq. E anche il nome del fondatore di una di queste città (Nimrod) può ancora essere trovato nella città antica in Assiria che è stata chiamata in suo onore, Nimrud (una variante di ortografia a causa di differenze linguistiche).
Inoltre, il padre di Nimrod, Cus, è ancora riconosciuto come il progenitore del popolo dell'Etiopia; il suo nome è comunemente utilizzato dagli archeologi ed egittologi quando si parla della gente di quella terra. È solo in luoghi come il Nord America e in Europa (dove la Bibbia è sotto attacco) che alcuni mettono in dubbio questi nomi che sono stati scritti ed accettati come storia per millenni!
E mentre questi sono esempi eccezionali, la Bibbia è letteralmente riempita con la menzione di persone e luoghi che sono stati solo recentemente scoperti e documentati dalla moderna archeologia. Un buon esempio di questo è la nazione conosciuta come Ittiti. Durante quasi tutto il XIX secolo, gli archeologi hanno sostenuto che non vi era tale razza; ma ora loro e le loro città sono stati trovati in abbondanza! Queste persone sembrano essere gli antenati dei moderni Armeni, che (tra l'altro) hanno sempre preteso avere un nipote di Noè come loro progenitore.
Pilate_roche
E tornando al tempo di Gesù, una pietra che commemora il giudice di Gesù, il governatore romano Ponzio Pilato (che era una volta considerato mitico), è stata individuata e decifrata.
Così, mentre coloro che odiano la Bibbia sostengono che si tratta solo di una raccolta di miti e favole, le registrazioni e le rovine di luoghi ed eventi che leggiamo in essa vengono costantemente scoperte, dimostrando che la Bibbia è, infatti, il registro più incredibile e preciso della storia del mondo!
Leggi l'articolo originale in questa pagina: 2001 translation
Lettura consigliata
Perimeno
Il punto di vista di Dio sulla dedicazione
girl-praying-hands-eyelashes-41942
Qual è il punto di vista di Dio sulla dedicazione? Il fatto è che Geova Dio non ha, in realtà, detto nulla sulla questione! La sua Parola, la Bibbia, non insegna la necessità di dedicarci a lui per ottenere la salvezza. Dal momento che Dio è silenzioso sul tema, gli uomini si sono sentiti liberi di dare la loro propria definizione della dedicazione. Per questo motivo ritengo necessario citare ampiamente dalle pubblicazioni della Società e poi confrontarle con quello che le Scritture dicono veramente. Il grassetto o il corsivo nelle molte citazioni è mio per evidenziare o sottolineare il punto particolare studiato.
(proseguire)
Acalia & Marta
Parabole per i nostri giorni (prima parte)
Carl-Bloch-Sermon-on-the-Mount
Cos'hanno da dirci le parabole di Gesù? Hanno relazione coi nostri giorni? Per prima cosa dobbiamo identificarle e comprendere quali di esse hanno un risvolto profetico. Per fare un esempio contrario, la parabola del figlio prodigo contiene un grandissimo insegnamento per noi ma non è profetica, non annuncia nessun avvenimento! Come facciamo dunque a distinguere i tipi di parabole? Come al solito, è molto semplice: ci atterremo a ciò che disse Gesù Cristo stesso, senza aggiungere né togliere. Limiteremo le interpretazioni ai soli elementi che si possono evincere direttamente dai racconti o da altri particolari scritti e attinenti. Per il resto ci accontenteremo volentieri della risposta del Signore: "Non sta a voi acquistar conoscenza dei tempi o delle stagioni che il Padre ha posto nella propria autorità”. – Atti 1:7
(proseguire)
Registrazione
Iscriviti per essere avvisato quando nuovi articoli vengono pubblicati. Se non vuoi dare il tuo indirizzo e-mail, è possibile utilizzare un servizio di posta elettronica temporanea di tipo YopMail o creare un indirizzo Gmail riservato per la posta in arrivo da Baruq.
Cliccando sul tasto invia si dichiara di acconsentire al trattamento dei dati personali come da articolo 10 della legge n.675/96 sulla tutela dei dati personali.


Leggi ogni giorno la Bibbia!
Bible Study - by courtesy of pixabay.com
Visita leggi.la.bibbia.baruq.uk
inizio pagina
Come commentare con Disqus?
Puoi usare un account Disqus. Clicca sul logo Disqus e segui le istruzioni.
Puoi commentare come ospite: clicca “I’d rather post as a guest” e segui le istruzioni.
Puoi usare il tuo account Google, Twitter o Facebook.
Per il momento, i commenti non sono moderati, finché si usa il buon senso e sono rispettate le leggi in vigore. Nota comunque che la moderazione può avvenire a posteriori.
This website may use cookies to give you the very best experience. If you continue to visit it, you consent to this - but if you want, you can change your settings in the preferences of your web browser at any time. Please check this page to read our privacy policy and our use of cookies
inizio pagina